Come riconoscere un diamante falso

Esistono diversi metodi che ci permettono di riconoscere se un diamante è vero o falso. Di seguito sono elencati i metodi più affidabili:

Conoscere il peso

Innanzitutto bisogna conoscere il peso corrispondente a 1 carato che equivale a 0,20 grammi, quindi con l’aiuto di una bilancia di precisione pesa la tua pietra, tenendo conto che un diamante da 1 ct pesa 0,20g, mentre uno zircone pesa più del doppio!

Prova del vetro

Anche se il diamante è montato su un anello, su degli orecchini o su un pendente, prova a sfregarlo su una lastra di vetro in modo da graffiare il vetro, se è autentico il diamante non subirà nessuna conseguenza (graffi o rotture) . Ricorda i diamanti sono le pietre più dure al mondo!

Prova della carta abrasiva

Procurati un foglio di carta abrasiva e sfrega su una parte della pietra, il diamante non subirà mai nessun graffio a differenza dei zirconi e di altre gemme.

Prova del giornale

Questa è senza dubbio la prova più veloce e semplice, alla portata di tutti senza essere dei gioiellieri esperti. Posiziona il diamante sciolto su un foglio di carta di giornale o sulla pagina di un libro. Posiziona la pietra direttamente sulla parte del testo a tavola in giù (cioè con la punta rivolta verso l’alto) e poi guarda il diamante. Riesci a vedere tutte le righe del testo? Il testo è ingrandito nella pietra? Se la tua risposta è sì, non hai un vero diamante. I diamanti veri rifrangono la luce e non possono essere usati come una lente di ingrandimento. Questo è uno dei modi più semplici per l’individuazione di un diamante falso.

Prova della luce

Usando una piccola luce brillante di una pila o di un altra fonte concentrata di luce (laser), prova a far brillare la luce attraverso la pietra. Se riesci a vedere attraverso l’altro lato, non stai guardando un diamante vero. Se fosse un diamante vero, si dovrebbe vedere solo ed esclusivamente un alone attorno alla pietra.

Prova di appannamento con il respiro

Grazie alla sua composizione naturale, il diamante è un conduttore eccellente di calore. Prova ad alitare sopra al diamante, se compare la condensa, allora hai un diamante falso.

Dual tester prova brillanti e moissanite

Se dopo aver effettuato tutte le prove sopra descritte, vuoi la certezza assoluta ti consiglio di acquistare un tester professionale prova brillanti e mossanite (pietra naturale molto simile al diamante) che ti da in un solo secondo la certezza se la pietra esaminata è un diamante, una moissanite o una pietra imitazione. Per un test corretto la punta dello strumento deve poggiare perpendicolarmente sulla faccia più grande della pietra. Il test può essere fatto su pietre di qualsiasi caratura, montate o no. Per maggiori informazioni sul tester clicca quì.

www.gioielleriamomentipreziosi.it
www.gioielleriamomentipreziosi.it

L’unità di misura dei gioielli in oro:

La purezza dell’oro si misura in carati

Siccome l’oro in natura è estremamente duttile e malleabile, è inutilizzabile per la realizzazione di gioielli o altri oggetti di uso comune, per questo motivo viene integrato con altre leghe in modo da renderlo più resistente e facilmente lavorabile.

Quando l’oro è in lega con altri metalli, la sua purezza si misura in carati o in millesimi. Di seguito sono elencate tutte le carature reali dei gioielli:

8 CARATI = 333 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 333
9 CARATI = 375 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 375
12 CARATI = 500 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 500
10 CARATI = 417 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 417
14 CARATI = 585 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 585
18 CARATI = 750 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 750
21 CARATI = 875 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 875
22 CARATI = 916 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 916
24 CARATI = 999 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 999

Nel caso delle leghe d’oro dunque un “carato” equivale ad una parte d’oro puro su un totale di 24 parti di metallo costituente la lega.

Ne deriva, ad esempio, che la dicitura 18 carati  sta ad indicare che la lega è costituita da 18 parti d’oro puro e 6 parti di altri metalli e viene abbreviato con le sigle ct o kt o prevalentemente con la sola k spesso affiancata al numero senza alcuno spazio, ad esempio 18k. L’oro di massima purezza è dunque a 24 carati cioè 24 parti d’oro “puro” su 24 totali e si indica con la sigla 24k.

Il termine carato come unità di misura dei diamanti

Il carato viene usato anche come unità di misura dei diamanti e delle pietre preziose, 1 carato equivale a 0,2 grammi.

www.gioielleriamomentipreziosi.it
www.gioielleriamomentipreziosi.it

 

Cosa devi sapere prima di andare a cambiare il tuo oro

In questo articoli vogliamo fornirti preziosi consigli da sapere prima di andare a rottamare i tuoi gioielli che non usi più:

Come viene stabilito il prezzo di mercato dell’oro

Il prezzo dell’oro detto (Fixing di Londra) viene fissato da 5 grandi istituti bancari e consiste nella determinazione di una quotazione ufficiale del metallo. Il Fixing di Londra viene stabilito due volte al giorno ore (10:30 e 15:00) così come quello del platino e del palladio (9:45 e 14:00) orario di Londra. Viene utilizzato a livello internazionale come riferimento per le transazioni spot e per i contratti derivati (futures, opzioni e altro)

Cosa devi fare prima di cambiare il tuo oro

La prima cosa che ti consiglio di fare è informarti sul prezzo attuale di mercato dell’oro, ci sono numerose società che offrono questo servizio, io ti consiglio le seguenti:

Voglio precisare che il prezzo del metallo (Oro, Argento, Palladio, Platino ecc) che andrai a consultare, si riferisce sempre al metallo puro (24 carati o 999/1000) illustrato in valute ed unità di misura differenti.

EUR/gr – Euro al grammo

USD/oz – Dollari all’oncia

Una volta a conoscenza del prezzo di mercato devi conoscere la caratura dei tuoi gioielli che vuoi cambiare (per sapere la caratura dei tuoi gioielli clicca quì) in modo da poter fare il calcolo del prezzo.

Come avviene il calcolo del prezzo del tuo metallo da parte dei Compro Oro

Supponiamo che hai 10 grammi di oro da voler cambiare, controllato anticipatamente caratura, autenticità del metallo e cosa molto importante eliminato qualsiasi ornamento annesso (pietre, smalti, serigrafie ecc.)

Il calcolo che devi fare è:

Prezzo dell’oro puro:  es. € 35,00 al grammo (in base alla quotazione di giornata)

Caratura dei gioielli: es. 18Kt o 750/1000

Commissioni dei Compro oro: possono variare da € 0,60 a € 2,00

Totale prezzo in contanti: tit.750/€35-€0,60= € 20,82 al grammo x 10gr = € 208,20

Quindi facendo questo semplice calcolo riuscirai a sapere in anticipo la valutazione in euro dei tuoi gioielli che hai intenzione di permutare.

Articolo offerto da:

www.gioielleriamomentipreziosi.it
www.gioielleriamomentipreziosi.it

 

 

 

 

 

 

Differenza tra oro giallo e oro bianco

Visto che si danno tante informazioni improprie su questo argomento, in quest’articolo vogliamo specificare la basilare differenza tra oro giallo e oro bianco, buona lettura!

Iniziamo con alcuni cenni sulle origini dell’oro, devi sapere che l’oro si trova allo stato nativo nelle rocce e nei depositi alluvionali sotto forma di pepite, grani e pagliuzze e al suo stato naturale è estremamente duttile e malleabile.

Proprio a causa della sua malleabilità, l’oro puro (999/1000) è inutilizzabile per la realizzazione di gioielli o altri oggetti di uso comune, per questo motivo viene integrato con altre leghe in modo da renderlo più resistente e facilmente lavorabile.

L’unità di misura dell’oro

Quando è in lega con altri metalli, la sua purezza si misura in carati o inmillesimi. Di seguito sono elencate tutte le carature esistenti:

8 CARATI = 333 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 333
9 CARATI = 375 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 375
12 CARATI = 500 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 500
10 CARATI = 417 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 417
14 CARATI = 585 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 585
18 CARATI = 750 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 750
21 CARATI = 875 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 875
22 CARATI = 916 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 916
24 CARATI = 999 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 999

La composizione dell’oro bianco

Il titolo più comunemente usato per i gioielli in Italia è 18 Carati o 750/1000.

Un gioiello in oro bianco 18Kt o 750% equivale a 750 millesimi di oro puro e 250 millesimi di rame e palladio, questo come spiegato in precedenza per conferire maggiore resistenza al gioiello e permettere di essere lavorato.

La composizione dell’oro giallo

Le leghe aggiunte all’oro giallo sono rame, argento e zinco quindi nei gioielli in oro giallo con titolo 18Kt o 750/1000 troveremo 750/1000 di oro puro e la rimanente parte 250/1000 di rame, argento e zinco.

Esempio: In un gioiello con titolo 8 Carati o 333/1000 avremo 333 millesimidi oro puro e il restante 667/1000 di altri metalli.

E’ bene precisare che anche i gioielli o gli orologi in oro bianco 18Kt o 750/1000 alle loro origini presentano un colore tendente al grigio, ma raggiungono un colore bianco splendente dopo il trattamento chimico chiamato rodiatura.

IMPORTANTE!

Ricorda che ogni gioiello in Oro deve aver inciso OBBLIGATORIAMENTE PER LEGGE il TITOLO (Es. 750%) del metallo e a fianco al titolo dei numeri che sono l’identificativo del fabbricante assegnato dall’ente preposto (regione e provincia del fabbricante).

Contattaci in qualsiasi momento per ogni tuo dubbio o curiosità, cercheremo di risponderti il prima possibile!

Se vuoi acquistare gioielli ESCLUSIVAMENTE in oro 18Ct  rigorosamente autentici e accompagnati da certificato di garanzia visita il nostro sito online e scopri la PROMOZIONE a te dedicata! https://www.gioielleriamomentipreziosi.it/it/4-gioielli-in-oro
Buona giornata da:

www.gioielleriamomentipreziosi.it
www.gioielleriamomentipreziosi.it