oro puro

L’unità di misura dei gioielli in oro:

La purezza dell’oro si misura in carati

Siccome l’oro in natura è estremamente duttile e malleabile, è inutilizzabile per la realizzazione di gioielli o altri oggetti di uso comune, per questo motivo viene integrato con altre leghe in modo da renderlo più resistente e facilmente lavorabile.

Quando l’oro è in lega con altri metalli, la sua purezza si misura in carati o in millesimi. Di seguito sono elencate tutte le carature reali dei gioielli:

8 CARATI = 333 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 333
9 CARATI = 375 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 375
12 CARATI = 500 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 500
10 CARATI = 417 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 417
14 CARATI = 585 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 585
18 CARATI = 750 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 750
21 CARATI = 875 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 875
22 CARATI = 916 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 916
24 CARATI = 999 MILLESIMI DI GRAMMO = TITOLO 999

Nel caso delle leghe d’oro dunque un “carato” equivale ad una parte d’oro puro su un totale di 24 parti di metallo costituente la lega.

Ne deriva, ad esempio, che la dicitura 18 carati  sta ad indicare che la lega è costituita da 18 parti d’oro puro e 6 parti di altri metalli e viene abbreviato con le sigle ct o kt o prevalentemente con la sola k spesso affiancata al numero senza alcuno spazio, ad esempio 18k. L’oro di massima purezza è dunque a 24 carati cioè 24 parti d’oro “puro” su 24 totali e si indica con la sigla 24k.

Il termine carato come unità di misura dei diamanti

Il carato viene usato anche come unità di misura dei diamanti e delle pietre preziose, 1 carato equivale a 0,2 grammi.

www.gioielleriamomentipreziosi.it
www.gioielleriamomentipreziosi.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *